By / 29th aprile, 2014 / Senza categoria / No Comments

Author:

Monti Prenestini

I Monti Prenestini costituiscono una catena montuosa di origine calcarea appartenente al subappennino laziale. In questa zona ci sono tesori nascosti, spesso solo sfiorati dal turismo di massa, ma con molto da offrire e per questo motivo ricchi di un fascino particolare.

monti prenestini romaTra i centri urbani che fanno parte del comprensorio dei Monti Prenestini ci sono: Zagarolo, Palestrina, Castel San Pietro Romano, Capranica, Guadagnolo, Rocca di Cave, Cave, Genazzano e Valmontone.

  • Zagarolo, nel suggestivo Palazzo Rospigliosi, immerso nel caratteristico centro storico, potrete ammirare il Museo del Giocattolo.
  • Palestrina è famosa per il suo santuario dedicato alla dea Fortuna, datato tra il II e il I secolo a.C., che si affaccia al di sotto del Palazzo Colonna Barberini, che dal 1956 ospita il Museo Archeologico Prenestino che conserva numerosi reperti archeologici, tra cui l’importante mosaico del Nilo, rinvenuti nell’antico santuario della fortuna primigenia. A Palestrina si può vedere anche la Villa di Adriano; le mura ciclopiche; la Cattedrale di Sant’Agapito; la Chiesa di Santa Rosalia e il Convento di San Francesco;
  • Castel San Pietro Romano, roccaforte dell’antica Preneste, oltre allo splendido borgo, con la sua Rocca, mostra anche la Chiesa di San Pietro, la Spianata delle Torricelle ed il monumento naturale “Valle delle Cannuccete”;
  • Capranica, il cui borgo medievale si sviluppa intorno alla Chiesa della Maddalena. Si possono ammirare Palazzo Barberini, che ospita il Museo Civico Naturalistico dei Monti Prenestini e la chiesa di Santa Maria delle Grazie.
  • Guadagnolo conserva la memoria delle visite che il caro Papa Giovanni Paolo II, prima e dopo il 16 ottobre del 1978, anno della sua elezione, amava fare presso il Santuario della Madonna della Mentorella. Offre delle pareti rocciose in cui ci si può avventurare in scalate adrenaliniche.
  •  Rocca di Cave gode di un magnifico panorama che si offre da cornice per il caratteristico centro abitato ed i suoi capolavori artistici e naturalistici: i ruderi della rocca; le chiese dedicate a San Pietro; San Lorenzo Nereo, San Nicola di Bari e Sant’Egidio. Da non perdere una visita alll’Osservatorio Astronomico;
  • Cave,  è stato il luogo neutrale scelto per firmare il Trattato di Pace del 1557, all’interno del Palazzo Leoncelli, che segnò la fine della sanguinosa “guerra del sale”, combattuta tra lo Stato Pontificio e il Re di Spagna e di Napoli, a livello artistico è senza dubbio importante per le innumerevoli case in Stile Liberty che la caratterizzano in tutto il territorio dei Monti Prenestini, e che la rendono affascinante agli occhi del visitatore che guardandole può ancora vedere i particolari dello stile dei primi del novecento. Cave possiede molte chiese, tutte con dettagli artistici di notevole importanza, come: San Lorenzo Martire; Santo Stefano; San Carlo Borromeo; Santa Maria Assunta; Santa Maria in Plateis; San Pietro Apostolo; Santa Anatolia al Ceppo; Santissima Annunziata ed il Santuario della Madonna del Campo. Cave, inoltre, possiede il Museo del Presepe Monumentale Lorenzo Ferri, con le statue più alte al mondo e il Museo della Civiltà Contadina;
  • Genazzano, antico feudo dei Colonna, possiede il Ninfeo del Bramante, il Santuario della Madonna del Buon Consiglio, la Chiesa di San Nicola, la Chiesa barocca di San Paolo, l’Acquedotto Romano, il Castello Colonna, il Palazzo Apolloni e la Casa Brancaleone;
  • Valmontone, offre il Parco divertimenti Rainbow Magicland e il polo commerciale Outlet Fashion District.